Gli sviluppatori di Sniper Ghost Warrior 3 ammettono di aver puntato troppo in alto



Uno dei lati positivi degli errori, è capire dove si è sbagliato. Ancora meglio, però, è avere il coraggio di ammetterlo e imparare dalle scelte sbagliate, e puntare a migliorarsi. Questo è quello che sta vivendo CI Games, team di sviluppo di Sniper Ghost Warrior 3.

Gli sviluppatori hanno fatto un mea culpa sul flop evidente del loro titolo uscito il 25 aprile di quest’anno, che ha ricevuto tantissime critiche negative anche a causa delle lunghissime schermate di caricamento su PS4 e dei vari ritardi di alcune feature, tra cui il lancio del multiplayer.

Per questo CI Games ha ammesso le proprie colpe, e tramite il capo dello studio, ha dichiarato quanto segue: “Nelle prime fasi di sviluppo del gioco, avevamo puntato a creare un open-world vasto, ma ci siamo resi conto che era un progetto troppo ambizioso per il tempo che avevamo a disposizione. Abbiamo fatto un errore di calcolo, e definendolo un AAA game ci ha distolto da quello che avremmo potuto fare bene. È stato un grosso errore”.

Un errore che sperano di non compiere nel loro prossimo gioco, uno sparatutto tattico che si concentrerà su un gameplay emozionante, delle meccaniche di gioco mirate e missioni che non verranno oscurate da un’ambientazione open-world.

Link di riferimento: http://www.dualshockers.com/sniper-ghost-warrior-3-aaa-ambitions-mistake-will-ditch-open-world-formula-next-game/


Previous Final Fantasy XV - Pronti ad una nuova avventura con Episode Prompto?
Next Vi presentiamo Serial Cleaner

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *